A cura di Giovanni Filocamo e Luca Caridà (sito internet).

Cos’è
Una conferenza-spettacolo interattive sulla scienza dello e nello spazio. In uno scenario multimediale di suoni, luci e proiezioni. Vengono percorse le enormi distanze che separano la terra dalla luna e dai pianeti del sistema solare, schivando asteroidi e comete vengono coperti anni luce fino alle stelle più lontane, alla scoperta di oggetti come le supergiganti, i quasar e i buchi neri. E in questo viaggio si scoprono non solo i segreti che nascondono, ma anche la fisica e la chimica che dominano i corpi celesti e gli esploratori dello spazio attraverso proiezioni emozionanti e una colonna sonora coinvolgente.

Ecco un elenco di massima di alcuni degli argomenti che si toccano e delle domande a cui si risponde:

  • Cos’è lo spazio? E il tempo? Cosa sappiamo di queste due entità?
  • Il viaggio nello Spazio è anche un viaggio nel Tempo.
  • Cenni di meccanica celeste;
  • Il nostro orizzonte terrestre, il sistema solare, la galassia, gli ammassi ecc..
  • Cenni di relatività e meccanica quantistica.
  • Zoologia dei corpi celesti, diagramma H-R;
  • Ciclo di vita di una stella;
  • Chimica stellare, produzione degli elementi leggeri e pesanti, astrobiologia, molecole e le biomolecole fra le stelle;
  • Buchi neri, orizzonte degli eventi e altri corpi esotici;
  • Modelli geometrici dell’Universo;
  • Perché si deve parlare dell’infinitamente piccolo per studiare l’infinitamente grande?
  • Il metodo scientifico e le risposte della scienza ai grandi temi;
  • Attualità: dark matter, superstrighe ecc…
  • Il futuro e le frontiere oltre il conosciuto;

Perché

  • Avvicinare il grande pubblico ai temi affascinanti che hanno appassionato intere generazioni.
  • Invogliare i giovani negli ultimi anni del liceo ad iscriversi a fisica.
  • Informare sullo stato attuale della ricerca sui grandi temi.
  • Sfatare alcuni miti dati dalla nostra percezione sensibile e così avvicinare il grande pubblico al metodo scientifico.
  • Offrire l’occasione di evadere dalla vita quotidiana non dissimilmente a quello che si fa quando si va al cinema ma comunicare un contenuto di alto valore culturale.

Per chi
La conferenza-spettacolo è adatta a tutti ma è soprattutto indicata per gli studenti degli ultimi anni del secondo ciclo, soprattutto per invogliarli a proseguire un percorso scientifico che potrà dare qualche risposta, o almeno capire come poter indagare, gli interrogativi sollevati.

Come
L’idea è quella di creare un ambiente immersivo che avvolga lo spettatore. La location sarà quasi sempre una sala teatrale di modeste dimensioni (in Italia ce ne sono tantissime), una sala per la prosa o la mise en space. All’apertura del sipario e all’abbassarsi delle luci, non appena l’occhio sarà abituato all’oscurità, si potranno scorgere tante piccole luci sopra le nostre teste: le stelle di un cielo australe che accompagneranno il pubblico in questo viaggio interstellare.
I due protagonisti si rivolgono al pubblico come se parlassero ad un equipaggio di turisti spaziali e parlano con il microfono ad archetto, come fossero delle vere guide turistiche intergalattiche. Una grande proiezione in alta risoluzione davanti agli occhi dei partecipanti li proietterà virtualmente nello spazio e li farà assistere ad eventi cosmici sbalorditivi. È in progetto e in fase di verifica la possibilità di realizzare parte di queste proiezioni attraverso la tecnologia 3D, che permette di aumentare sostanzialmente il grado di coinvolgimento, oltre ad essere il primo tentativo di portare questa tecnologia cinematografica nel campo della divulgazione scientifica. Di tanto in tanto, le guide chiedono di indossare degli speciali occhiali da sole, che altro non sono che occhiali per la visione in 3D che permetteranno di fruire dei contenuti concepiti per questo nuovo linguaggio.
Tutto questo sottolineato da una colonna sonora ad effetto creata ad hoc, ispirata al jazz sperimentale, alla new-age e alla musica elettronica.

> Scarica un documento di presentazione
> Guarda un piccolo filmato di presentazione

Date già fatte

  • 6-7 novembre 2010 (Festival della Scienza).
  • 25 settembre 2011 (Varenna Fisica Festival).
  • 21 ottobre 2012 presso l’evento “Noviscienza” a Novi.
  • 25-26 ottobre 2012 – Conf-spett presso Università degli Studi dell’Aquila, Tensostruttura Coppito.
  • 29-30 novembre 2012  presso la scuola Marie Curie (Bussolengo, Lago del Garda).

Pin It on Pinterest

Share This