Il Tango argentino è un elegante ballo di coppia, di grande fascino per chi lo esegue e per chi lo guarda i cui passi e figure suscitano sempre forti emozioni. Da sempre icona di sensualità questo ballo è tornato all’attenzione del pubblico e dei mass-media in maniera impressionante negli ultimi anni.

In questo contesto il Tango viene guardato con una diversa lente: lo studio dei movimenti dal punto di vista della fisica e le tecniche di interazione dei corpi dei ballerini. Da questo punto di vista, quindi, è lo spunto per una vera “educazione fisica”  ed al movimento. Nel tango argentino, infatti, i movimenti (i “passi”) sono decisi dall’uomo che deve comunicarli alla donna per far si che si possa muoversi all’unisono. Questo non riesce a succedere se non sono mantenute determinate tensioni e posture nei corpi dei due.

Il concept ha come oggetto la storia del tango argentino vista da una prospettiva completamento diversa dal solito: la fisica. La storia del tango argentino è incerta e al tempo stesso affascinante. Il tango ebbe i natali a Buenos Aires circa cento anni fa e nacque come fusione dei balli popolari degli emigranti italiani e spagnoli e i ritmi latini argentini e uruguayani. Nel corso degli anni la tecnica del ballo, come la musica d’altro canto, si è evoluta e raffinata molto. In questo senso è molto naturale presentare alcuni argomenti di fisica (soprattutto statica e dinamica dei corpi) nelle innovazioni della tecnica del tango argentino. Ad ogni innovazione si può associare in modo naturale un teorema, un risultato, una grandezza della fisica. Per ogni parte viene eseguito un ballo per rendersi conto della differenza con i precedenti, sia a livello di movimenti che a livello di musica. Nel percorso viene esposta la storia del tango, le sue evoluzioni musicali e di ballo attraverso i protagonisti che hanno portato le innovazioni e che hanno guidato il cammino della “comunità tanguera”; in questo modo il pubblico viene, oltre che suggestionato dal curioso parallelo tango/fisica, coinvolto nella filosofia del tango argentino, nei suoi rituali, nella sua musica, nella sua grande passione. Il progetto è composto da più parti ed è possibile usufruire ciò che si desidera. Le pari sono conferenza-spettacolo (con esibizioni di Tango argentino) – Laboratorio interattivo – Un libro pubblicato dal 2005 e di grande successo. La conferenza ha una durata e un core di contenuti fisso, mentre il laboratorio interattivo è modulabile a seconda del pubblico. E’ possibile prevedere workshop rivolti al pubblico generico, a ballerini di tango (dove si parlerà soprattutto di fisica) e a fisici, o persone con conoscenze in fisica (dove si parlerà soprattutto di tango).

Conferenza-spettacolo -Dynamic Tango
La conferenza ha una durata di circa 90 minuti, a seconda del tempo disponibile, ed è accompagnata dalla proiezione di immagini suggestive di ballerini combinate da luci, scritte che appaiono e fotografie scattate a Buenos Aires (la proiezione è curata da un Vj  e fotografo genovese il quale è un artista mio collaboratore da anni). Saranno presentati tutti i tipi di balli e di stili legati al tango argentino, come il vals, la milonga e il tango stesso visto nei suoi tre stili fondamentali: tango milonguero, salon e nuevo. Il viaggio viene fatto attraverso la storia del tango dai primordi partiti dagli emigrati ai rapporti tra l’europa e il sudamerica fino al tango presente in teatri e discoteche. Unitamente si parla di principi della fisica legati ai diversi momenti come l’asse di rotazione, il baricentro, la meccanica, la statica e la teoria dei segnali.

Laboratorio interattivo
Con il laboratorio tutti i partecipanti potranno provare sul proprio corpo (e sul corpo della persona con cui inizieranno a fare i “primi passi”) la fisica unita al tango argentino. Sarà una esperienza particolare per percepire alcune basi della geometria come il punto, la retta e il piano, si potrà sperimentare l’attrito, comprendere le basi della meccanica e soprattutto fare una esperienza particolare dove comprendere come la cultura della matematica e della fisica possano andare a “toccare” argomenti insospettabili, come il passionevole e affascinante tango argentino.

Libro – La fisica in ballo
Il progetto è inoltre “corredato” di un libro di divulgazione scientifica scritto ispirandosi alle tecniche comunicative con cui viene svolta un’animazione scientifica. Ogni argomento è espresso in modo da non richiedere alcun prerequisito, ed  è sviluppato in maniera agile e coinvolgente. In questo modo viene proposta sia una lettura, sia la “messa in pratica” di quanto viene raccontato nel libro attraverso esercizi guidati.
>> Vai alla sezione dedicata al libro “La fisica in ballo”

 L’evento è stato presentato in occasione delle seguenti occasioni

LA FISICA IN BALLO

  • 10-2005 // Genoa Science Festival
  • 4-2006 // Museo Tridentino di Scienze Naturali
  • 9-2006 // Festivaletteratura di Mantova

DYNAMIC TANGO – A Journey across the history of Tango and of … Physics!

  • 4-2007 // Science on Stage (an event organized by ESA)
  • 4-2007 // Le Settimane della Scienza – Tourin (an event organized by Centroscienza)
  • 10-2007 // Romanian Science Festival – Bucharest
  • 11-2007 // Final of European Project “WONDERS” – Lisbon (organized by EUSCEA)
  • 7-2008 // ESOF Barcelona – European Science Open Forum
  • 20 Settembre 2009 // Paganiniana Fest
  • 17 e 25 Settemnre 2011 // Varenna Fisica Festival

>> Vai al Blog di Dynamic Tango

[slideshow id=4]

  | ∞ |

Pin It on Pinterest

Share This